La vinificazione in Liguria dall’Età napoleonica al primo decennio del Novecento

Alessandro Carassale (2016)

Alla fine del XVIII secolo i vini liguri, salvo pochissime eccezioni, erano considerati scadenti e sempre più di rado trovavano consumatori fuori dell’arco regionale o addirittura del luogo di produzione.

La debolezza mercantile di questa viticoltura si spiega per primo motivo con l’abitudine diffusa a vendemmiare l’uva acerba e ad ammostare insieme varietà precoci e tardive, bianche e nere; secondariamente con la scarsa specializzazione del vigneto, dove seminativi, leguminose e alberi da frutto soffocavano i filari, con gli alti costi di gestione e produzione delle aziende, ai quali concorre la penuria di legnami per la palatura, e con la convenienza a convertire l’uso dei terreni a favore della crescente vocazione olivicola. …

Scarica il PDF completo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: